Iscriviti per rimanere aggiornato

CALIBRAZIONE SENSORE CORRENTE

CALIBRAZIONE SENSORE CORRENTE

CALIBRAZIONE SENSORE CORRENTE

Avere un sensore di corrente ottimizzato permette di utilizzare la giusta quantità di batteria evitando di scendere troppo, quindi sciupandola, ma nemmeno usarne troppo poca riducendo notevolmente il tempo di volo. In questo tutorial usiamo betaflight 4.3.1, utilizzabile su qualsiasi versione precedente ed anche su emuflight.

Esistono due modi di misurazione di corrente:

  • Il misuratore dei cosiddetti “mAh” (milliampere/ora);
  • Il misuratore di voltaggio della lipo.
CARICATORE PER MAH CALIBRAZIONE SENSORE CORRENTE

Calibrazione sensore milliampere/ora (mAh)

Cosa serve per fare la calibrazione amperometrica?

Abbiamo bisogno di una lipo in buone condizioni, di un pc con betaflight/emuflight, un caricatore ed ovviamente del drone.

Vediamo assieme quali sono i passaggi (mi raccomando sono tutti importanti):

  1. Per prima cosa bisogna caricare la lipo fino al 100% (il 100% si raggiunge quando tutte le celle sono ben bilanciate ai 4,20V).
  2. Nel frattempo che la batteria carica colleghiamo il drone al pc e andiamo sul configuratore installato. Vi ricordo che quando colleghiamo il drone al PC le eliche devono essere rimosse per evitare infortuni.
  3. Collegato il quad, ci rechiamo nella TAB SENSORI BATTERIA e memorizziamo il valore che troviamo alla voce “scala [1/10 mV/A]”.
  4. A questo punto andiamo nella TAB OSD e spuntiamo la casella “mAh della batteria utilizzati” (oltre a tutte le altre opzioni che già avevamo).
  5. Spuntiamo la casella “timer 2”, andiamo nel menù a destra a tendina, sotto la scritta “timer 2”, scegliamo l’opzione “tempo totale armato”. Infine, sempre nel menù a destra, sotto le “statistiche post volo” attiviamo la casella “mAh batteria utilizzati”. Per concludere spostiamo questi due valori in una parte dello schermo dove non danno noia, ma che si riescono a leggere durante il volo. Clicchiamo su salva in basso a destra ed ora siamo pronti per volare!
  6. Per evitare che si scarichi troppo la batteria facciamo un volo di 2 minuti, senza esagerare troppo col gas, ma nemmeno un cinematico lento.
  7. Appena vediamo che il nostro timer segna 2 minuti atterriamo, ma non stacchiamo subito la batteria del drone! Nelle informazioni post volo troverete la voce “massimi mAh utilizzati”, segnatevi quel valore da qualche parte in modo da non perderlo.
  8. Adesso possiamo staccare la batteria e metterla da una parte: è molto importante che non la confondiamo con le altre, altrimenti la calibrazione viene errata.
  9. Quando torniamo a casa carichiamo quella precisa batteria (mi raccomando quella e non altre) fino al raggiungimento del 100%. Mi raccomando durante questa carica è fondamentale che non si spenga il caricatore o che voi interrompiamo la carica.
  10. Appena il caricatore segnala che la batteria è carica conserviamo il valore mostrato di quanti “mAh” sono stati caricati.
  11. Una volta arrivati a questo punto dovremmo avere 3 valori. Se è così, adesso è molto semplice, anche perché basta fare una semplice formula matematica.

La formula è: vecchia scala x (OSD mAh consumati/mAh caricati)

(“vecchia scala” è il valore iniziale che abbiamo trovato nella TAB SENSORI BATTERIA). “OSD mAh consumati” è il valore che abbiamo letto dalle statistiche post volo. “mAh caricati” è il valore che ci ha restituito il caricatore.

Il valore che viene fuori dal calcolo precedente bisogna andarlo a modificare sul configuratore. Colleghiamo il drone (mi raccomando senza le eliche), andiamo nella “TAB SENSORI BATTERIA” e modifichiamo il vecchio valore nella casella “scala [1/10 mV/A]”.

Se sei arrivato a questo punto vuol dire che sei riuscito a calibrare il tuo sensore amperometrico. Purtroppo questo valore cambia in Flight Controller diversi. Se in un futuro decidi di aggiornare il firmware ricordati di segnarti questo ultimo valore trovato per evitare di rifare tutto il procedimento dall’inizio.

TESTER PER LIPO CALIBRAZIONE SENSORE CORRENTE

Calibrazione sensore voltaggio batteria

Per calibrare il sensore del voltaggio della batteria è semplice, però serve uno strumento che non tutti abbiamo: il tester (puoi acquistarlo tramite questo link). Ti potrà esser utile anche per altre cose: ad esempio lo potrai utilizzare mentre stai saldando e sei indeciso se due cavi si stanno toccando, lui ti darà una risposta certa!

Tornando a come si calibra il sensore del voltaggio della batteria, cosa ci serve? Il tester, un pc con betaflight, una batteria a qualsiasi voltaggio (basta che le celle siano calibrate correttamente, se così non fosse consiglio di caricare la batteria al 100% o metterla in storage) ed ovviamente il drone. Per maggiore precisione consiglio di utilizzare una batteria 4S, come utilizzeremo in questa spiegazione.

Vediamo insieme i vari passaggi:

  1. Per prima cosa colleghiamo il drone al pc e apriamo betaflight. Mi raccomando togliere sempre le eliche.
  2. Spostiamoci nella “TAB SENSORI BATTERIA” e colleghiamo la batteria.
  3. Prendiamo il tester e inseriamo il cavo nero nella porta chiamata COM e il cavo rosso nella porta VΩmA. Questi nomi sono presi dal tester linkato in precedenza, su altri dispositivi i nomi possono essere diversi, quindi vi invito a leggere bene il libretto delle istruzioni per evitare danni a cose e/o persone. Spostiamo la rotella del tester nella parte con scritto V (con una riga orizzontale con sotto tre puntini). Con questo tester ci spostiamo nella parte in alto a sinistra. Infine andiamo ad indicare con la rotella il numero 20 (nel caso usate una batteria 5S o una 6S dovete far indicare il numero 200).

Da qui in poi prestare molta attenzione che se sbagliamo rischiamo di creare dei corti sul drone.

  1. Prendiamo i due cavi collegati al tester e ci posizioniamo rispettivamente col cavo rosso sul pad del positivo del drone e col cavo nero sul pad del negativo. I pad in considerazione sono quelli dove colleghiamo l’XT60. Mentre teniamo i cavi sui pad vedremo sul tester un valore, se è uguale a quello che mostra betaflight nella sezione “misuratore di tensione” allora è già calibrato e quindi abbiamo già finito. Nel caso non fosse uguale o hai dei piccoli cambiamenti andare al punto successivo.
  2. Se il valore è diverso oscilla di qualche punto in più o in meno nella casella “scala”. Quando otterrai il valore più vicino possibile vuole dire che hai calibrato il sensore!
ROTELLA PROGRAMMI TESTER CALIBRAZIONE SENSORE CORRENTE

Conclusione

Calibrare i sensori è sempre molto noiso, però è fondamentale per evitare di scaricare troppo la batteria. Quando si aggiorna il firmware del drone e si cancella tutti i dati del chip, questi dati vanno persi, quindi ricordati di segnarti. Inoltre ogni Flight Controller ha dei suoi dati specifici.

Adesso hai tutti e due i sensori calibrati: sei pronto per andare a volare liberamente tenendo sotto controllo i valori!

 

Articolo scritto da Matteo Del Pino, revisionato da Roberto Acchiardo, caricato sul sito da Matteo Del Pino, foto di Roberto Sassara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

CALIBRAZIONE SENSORE CORRENTE

Loggati

Registrati

Un link per impostare una nuova password verrà inviato al tuo indirizzo email.

I tuoi dati personali verranno utilizzati per supportare la tua esperienza su questo sito web, per gestire l'accesso al tuo account e per altri scopi descritti nella nostra privacy policy.

ISCRIVITI PER SUPPORTARCI

E per rimanere aggiornato sugli ultimi articoli